21/07/2018

Detrazione per Interventi di Riqualificazione Energetica

Finanziaria 2018

detrazione per riqualificazione energetica 2018

Riqualificazione Energetica

Con la modifica dell’art. 14, DL n. 63/2013 sono confermate le seguenti detrazioni per la riqualificazione energetica degli edifici:

Detrazione del 65%

Proroga della detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica nella misura del 65% delle spese sostenute fino al 31.12.2018 (anziché fino al 31.12.2017) per:

  • interventi di coibentazione dell’involucro opaco;
  • pompe di calore;
  • sistemi di building automation;
  • collettori solari per produzione di acqua calda;
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;
  • generatori d’aria a condensazione;
  • micro-cogeneratori,  detrazione massima consentita di 100.000 €;
  • Le caldaie a condensazione possono accedere alle detrazioni del 65% se, oltre ad essere in classe A, sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.

Detrazione del 50 %

la riduzione al 50% della detrazione per le spese di riqualificazione energetica sostenute dall’1.1.2018 per gli interventi di:

  • interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive di infissi;
  • schermature solari;
  • caldaie a biomassa;
  • caldaie a condensazionepurché abbiano un’efficienza  pari  alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.18/2013.

Detrazione dal 70 al 75%

Le aliquote di detrazione  al 70% e al 75% per gli interventi di riqualificazione energetica di tipo condominiale;

Detrazione dall’80 all’85%

  • La detrazione dell’80% qualora gli interventi di riqualificazione energetica siano realizzati in edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3 e vi sia una riduzione del rischio sismico.
  • Con riduzione di 2 o più classi di rischio sismico, la detrazione passa all’85% e il limite massimo di spesa consentito si innalza a 136.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

 

Come inviare domanda all’ENEA

Per chiedere la detrazione è importante rispettare la normativa e le tempistiche di invio dei documenti:

  1. Inviare entro entro 90 giorni dalla fine dei lavori per via telematica attraverso il sito ENEA   una scheda descrittiva dei lavori e i dati di efficienza energetica dell’immobile.
  2. Qualora i lavori interessino più anni il contribuente dovrà inviare all’agenzia delle entrate, sempre entro 90 giorni, le spese sostenute nel precedente periodo di imposta;
  3. Relazione di un tecnico abilitato o dichiarazione del produttore in caso di sostituzione di caldaie infissi ecc..
  4. Pagare i lavori tramite “bonifico parlante“, ossia un tipo di  bonifico appositamente creato per pagamenti di fatture inerenti la riqualificazione energetica. E’ possibile effettuare questo speciale bonifico sia  allo sportello che online.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: